Recensione di Pixieset | foto gallery online per fotografi

Pixieset è un sistema semplice, intuitivo, completo e soprattutto gratuito per la gestione delle gallery online. Vediamo in questo articolo come funziona e perchè se sei un fotografo professionista può migliorarti decisamente la vita. 

Ho iniziato la mia attività di fotografo quando il digitale era ormai consolidato e fin da subito ho sentito la necessità di un sistema per permettere ai clienti di visualizzare i provini online.

Inizialmente caricavo le immagini a bassa risoluzione con watermark in sovrimpressione tramite ftp in una sotto cartella del mio sito web e poi inviavo l’indirizzo al cliente che poteva visualizzarle e indicarmi via mail i codici delle immagini a cui era interessato.

Con l’avvento di wordpress ho fatto un passo avanti creando un’area clienti protetto da password nel quale le gallery avevano un aspetto più ordinato e professionale e soprattutto era possibile selezionare le immagini preferite ed inviarmi direttamente l’elenco via mail.

Sicuramente un sistema più professionale e semplice da gestire, ma ancora non ero soddisfatto: si accumulavano le gallery che andavano ripulite, oltre a dover registrare ogni volta l’utente e il sistema di selezione non era così intuitivo.

Da un pò di tempo ormai per la visione dei provini da parte dei clienti ho definitivamente abbandonato tutti i sistemi di gallery online ed area clienti che poggiavano direttamente sul mio sito web in favore di Pixieset, un utilissimo servizio di gallery online che, oltre ad essere gratuito entro un certo limite di utilizzo, trovo veramente funzionale, professionale e di semplice utilizzo.

Scopriamo insieme quindi come funziona questo utilissimo servizio.

Cos’è Pixieset?

Pixieset è un servizio online attraverso il quale è possibile creare infinite gallery, opzionalmente protette da password, e condividerle con i propri clienti i quali potranno visualizzarle, selezionare le immagini creando più liste ed inviarci la selezione via mail. 

Sempre in modo opzionale, potremo decidere di permettere o meno il download diretto della singola immagine, dell’intera galleria o di un subset di immagini (ad esempio la selezione effettuata dal cliente).

Non è l’unica piattaforma della sua categoria, anzi, oltreoceano c’è una vasta scelta in merito: io ne ho provate alcune e alla fine mi sono innamorato di questa per vari motivi che cercherò di spiegare.

Come funziona

La prima operazione da fare per utilizzare il servizio è la registrazione: cliccando sul tasto “Sign up” verrete invitati ad inserire alcuni campi, tra i quali il “business name” è particolarmente importante perchè sarà quello che identificherà il sottodominio personalizzato che consentirà di accedere alle vostre gallery. Utilizzate quindi il vostro nome e cognome se siete conosciuti come fotografi attraverso quello oppure il nome della vostra attività, tenendo conto che l’indirizzo finale delle gallery che invierete al cliente sarà qualcosa tipo businessname.pixieset.com

Una volta confermata la registrazione attraverso il link che riceverete via mail accedete tramite il login e sarete già operativi, pronti per creare le vostre gallery.

Quanto costa?

Questo è sicuramente uno dei punti forti di questa piattaforma: con il piano free, che è quello che viene attivato automaticamente in fase di registrazione, avete 3 Gigabyte di spazio per le vostre gallery. Non male direi: prevedendo di cancellare le gallery più vecchie potrebbe essere più che sufficiente per le esigenze di molti.

I piani a pagamento prevedono spazio aggiuntivo, dai 10 GB del Basic per 8 dollari/mese fino ai 1000 GB del piano più ricco per 40 dollari/mese, oltre ad alcune opzioni attivabili solamente con uno dei piani premium. Ma come vedremo più avanti non si tratta assolutamente di opzioni indispensabili, il servizio gratuito offre già tutto quanto necessario per un utilizzo professionale e completo.

Configurazione

La prima cosa che vi consiglio di fare è quella di configurare alcune impostazioni che consentiranno di dare alle vostre gallery un aspetto professionale e legato alla vostra identità, come ad esempio il vostro logo.

Alcune opzioni sono disponibili solamente con il piano a pagamento, ma è indicato sempre in modo molto chiaro quelle utilizzabili e quelle per le quali servirà un upgrade del profilo.

Una configurazione importante su cui vale la pena perdere un pò di tempo per la configurazione è quella legata al watermark, che trovate sotto “options”: caricando in questa sezione un’immagine in formato PNG con il vostro logo su fondo trasparente oppure una dicitura di testo tipo “vietata la copia” o quello che preferite, potrete caricare le vostre immagini in gallery senza bisogno di aggiungere il watermark, in quanto verrà aggiunto automaticamente in fase di upload. Potrete anche decidere se aggiungerlo o meno in base alle singole gallery. 

Attraverso il tasto “preview & settings” potrete agire sui parametri di posizionamento e opacità del watermark. Non è semplicissimo trovare la giusta impostazione, io ho dovuto fare alcune prove caricando immagini differenti, ma alla fine una volta trovato il giusto compromesso tra posizione ed opacità potrete dimenticarvi del watermark ed avere immagini sempre protette in modo automatico.

Un altro motivo importante per utilizzare questa funzionalità è che così facendo potrete sfruttare appieno il download digitale delle immagini selezionate: attivando l’apposita funzione potrete decidere se abilitare il download diretto per la singola immagine o per l’intera galleria e decidere in quale formato, se protetto da watermark o meno. Il download sarà comunque protetto da un codice che potrete consegnare al cliente solamente una volta effettuato il pagamento.

Le galleries

Per creare una nuova gallery è necessario creare una nuova collection: oltre al nome identificativo, attraverso le opzioni avanzate possiamo scegliere una data di scadenza automatica, se la gallery dovrà essere visibile in home page oppure no ed una eventuale registrazione obbligatoria per chi vi accede.

Tra queste opzioni trovo particolarmente interessante l’eventualità di nascondere le gallery in home: significa che accedendo al vostro spazio personale attraverso l’indirizzo nomebusiness.pixieset.com le gallery con questa opzione attivata non saranno visibili, mentre le altre si. Anche se l’accesso alle singole gallery è comunque proteggibile tramite password, potrebbe essere utile non voler mostrare le gallery attualmente attive ad altri clienti.

Tutte le opzioni comunque sono modificabili in seguito attraverso il pannello di configurazione della singola gallery cliccando sull’icona con l’ingranaggio.

Una collection viene suddivisa a sua volta in uno o più “Set”. Quando si crea una nuova gallery ne viene creato uno di default denominato Highlights: possiamo utilizzare quello predefinito oppure rinominarlo ad esempio in “tutte le foto”. Lo scopo dei set è quello di suddividere la gallery in più categorie, ad esempio nel caso di un matrimonio anzichè inserire tutte le foto in un unico set potrebbe essere più utile creare 4 set denominati “preparativi”, “cerimonia”, “ricevimento”, “posati” rendendo la consultazione da parte del cliente più agevole.

Ad ogni gallery è possibile assegnare una cover, che Pixieset inizialmente assegna automaticamente selezionando una foto tra quelle caricate. E’ consigliabile che ne selezionate una voi adatta indicando attraverso l’apposita funzione il “focal point”, ovvero il punto che dovrà essere visibile indipendentemente dal tipo di dispositivo in cui verrà visualizzata la gallery (smartphone o desktop ad esempio). E’ molto semplice ed intuitivo impostare il focal point, una volta capito il funzionamento diventerete bravi a selezionare la giusta immagine in modo che abbia senso sia in orizzontale per la visione sul desktop che in verticale per uno smartphone.

Un’altra cosa importante da verificare per ogni gallery sono le impostazioni, accessibili attraverso l’icona ad ingranaggio: è da lì ad esempio che potrete decidere attraverso la sezione “privacy” se la gallery andrà protetta tramite password oppure no e tante altre opzioni da studiare con attenzione per capire quali fanno al caso vostro.

Una volta completato il caricamento delle immagini cliccando su “preview” potrete vedere il risultato finale così come lo vedrà il cliente.

Cliccando infine su “Publish” la gallery sarà online. Sarà possibile comunicare al cliente la pubblicazione della gallery compilando la mail che Pixieset visualizzerà direttamente dopo aver premuto il tasto “pubblica”, salvando anche se volete un proprio template da richiamare in seguito, oppure successivamente  utilizzando il vostro client di mail preferito e comunicando direttamente l’indirizzo della gallery, che avrà sempre una struttura di questo tipo http://businessname.pixieset.com/nome-della-gallery

Selezione delle immagini

L’utilizzo più classico che viene fatto delle gallery è la selezione delle immagini preferite da parte del cliente per l’inserimento in un fotolibro, per l’eventuale acquisto o per altri motivi.

La selezione è davvero semplice: è sufficiente cliccare sul cuoricino visibile in sovrimpressione su ogni foto per aggiungerla ad una lista. La prima volta verrà richiesto l’indirizzo mail, necessario per identificarsi e per mantenere le selezioni attive anche in caso di sessioni differenti.

Attraverso l’icona con il cuoricino in alto a destra è possibile accedere alla propria lista e crearne eventualmente altre differenti.

Una volta terminata la selezione, cliccando su “share” e scegliendo “mail” il cliente potrà inviarvi una mail con la notifica che la selezione è stata effettuata.

Entrando a questo punto con il vostro account in pixieset e selezionando quella galleria, oppure cliccando sul link che vi è arrivato via mail, potrete vedere le immagini selezionate cliccando sull’icona “Activities” e poi su “favorite activities”

Attraverso l’icona con i 3 puntini presente sotto la colonna “Actions” dell’elenco di foto, potrete scegliere di scaricare l’elenco in vari formati oppure, opzione utilissima, cliccare su “lightroom copy list” che non farà altro che creare una copia in memoria dell’elenco delle immagini separate da virgola: andando  questo punto in lightroom – ricerca e cliccando ctrl+c o cmd+c vi troverete la vostra lista di immagini già pronte per essere marcate o aggiunte in un sotto gruppo di LR per poterle lavorare, esportare ecc.

Molto più difficile a dirsi che a farsi e di una comodità imbarazzante se paragonata alla ricerca e selezione delle immagini una ad una.

Plugin per Lightroom

A proposito di Lightroom, se ancora avete qualche dubbio sull’utilizzo di Pixieset per la gestione delle vostre gallery, questo plugin è l’argomento che vi farà convertire definitivamente al suo utilizzo.

Lo potete scaricare nella sezione “tool” del sito di Pixieset, accessibile dal menu visibile cliccando sull’icona con l’omino in alto a dx, ed una volta installato in Lightroom potrete creare ed aggiornare le nuove gallery direttamente da lì, senza nemmeno bisogno di esportare prima le immagini in formato JPeg o altro.

Il funzionamento è anche in questo caso molto semplice ed intuitivo: una volta installato il plugin, nella sezione “Libreria” di LR trovate la dicitura Pixieset nel box in basso a sinistra dedicato ai servizi di pubblicazione online. Cliccandoci sopra, la prima cosa che vi verrà richiesta sono le credenziali per l’accesso a Pixieset: inserite quelle con cui vi siete registrati, attendete la connessione, e troverete un nuovo box sulla sinistra simile a quello per la creazione delle collezioni. Attraverso il tasto “+” create una nuova collection, assegnate un nome, e successivamente uno o più set all’interno della nuova collection in base alle suddivisioni che volete creare. Trascinateci dentro le immagini che volete caricare in gallery, cliccate su “update now” e vi ritroverete la gallery online già pronta solo da configurare e pubblicare.

Collegatevi quindi al sito una volta terminato il caricamento delle immagini, impostate quella di copertina, dare un’occhiata alle varie opzioni e pubblicate.

Ci sono così tante altre opzioni da scoprire che per spiegarle tutte servirebbe un manuale intero, ma la piattaforma è davvero molto intuitiva, è gratuita senza limiti di tempo per cui vi permette di prendere confidenza e cominciare ad utilizzarla da subito per capire se è adatta alle vostre esigenze e già con queste poche istruzioni di base sarete in grado di mettere la vostra gallery on line nel giro di pochi minuti.

Se poi avete dubbi o non riuscite a fare qualcosa lasciatemi un commento o contattatemi e sarò lieto di darvi una mano.

6571 visite totali 3 visite oggi
By |2017-05-23T18:23:16+00:00Maggio 23rd, 2017|Fotografia, Recensioni|10 Comments

About the Author:

10 Comments

  1. Angelo 04/04/2019 at 15:16 - Reply

    Ciao, articolo molto interessante complimenti, posso chiederti su WordPress che plugin utilizzavi per selezionare le immagini dell’album e inviarle per email. Grazie e complimenti

  2. fabio 05/04/2019 at 06:54 - Reply

    Ciao Angelo, nessun plugin per wordpress, direttamente dalla gallery di pixieset chi la consulta può marcare con un cuoricino le immagini preferite e a fine lavoro inviare la mail a te cliccando su “share – mail”
    In alternativa tu puoi entrare dal tuo account di amministratore, selezionare la gallery che ti interessa, cliccare sull’icona di Activities (quella con il simbolo del wi-fi a sinistra), cliccare su Favorite activity e a destra sulle “Actions” trovi “Lightroom copy list” da incollare nel campo di ricerca di lightroom: così ti ritrovi tutte le foto selezionate direttamente in LR

  3. diego 05/05/2019 at 09:06 - Reply

    Ciao Fabio, mi hai risolto un sacco di problemi! facendolo come secondo lavoro non potevo permettermi una galleria online a pagamento! Ti chiedo una cosa, ho provato ad installare il plugin ma non mi compare sulla tendina dei servizi di condivisione di LR la possibilità di usare Pixieset. Ho forse sbagliato qualcosa nell’installazione? Ho semplicemente cliccato sul file che si è scaricato, a questo punto si è aperto Lr con la schermata di importazione quindi ho importato i 3 file. Grazie in anticipo

    Diego

  4. Vincenzo 05/06/2019 at 22:30 - Reply

    Ciao Fabio, sai se esiste un plugin anche per Capture One?

    • fabio 06/06/2019 at 08:00 - Reply

      Ciao Vincenzo, che io sappia no, devi caricare le gallery manualmente

  5. Vincenzo 11/06/2019 at 21:17 - Reply

    Ciao Fabio, sto testando Pixieset, ho notato un particolare nel download di un file. Ti riepilogo come ho operato. Ho caricato nella gallery il file 1600×1068 pixels, 300 dpi, un file di 1,35 MB. Ho settato la possibilità di download in High Resolution 3600 px, la massima disponibile, ma comunque superiore alle dimensioni del file. Ho effettuato il download, facendo una simulazione, come se fossi un cliente, ed il file che ho scaricato è di dimensioni 276 KB, pur presentando dimensioni 1600×1068 pixels e 300 dpi.
    Ho provato allora a caricare un file di 3600 pixels lato lungo (7,01 MB) e me lo ha scaricato di 1,44 MB, mantenendo sempre le stesse misure di pixels e dpi.
    Mi viene da pensare che venga operata, almeno nella versione free, una compressione molto pesante del file. Ti risulta sia così o ci sono settaggi diversi da scegliere o sbaglio a fare qualcosa?

    • fabio 12/06/2019 at 14:21 - Reply

      Ciao Vincenzo, esperimento interessante che ho provato a fare anche io e ti confermo che il file scaricato è più piccolo rispetto a quello caricato ma non sempre: caricandone uno già molto compresso e quindi di piccole dimensioni, sotto al Mbyte, viene scaricato alla stessa dimensione, quindi immagino che dipenda anche da quanto grande è il file in upload.
      In effetti il download in dimensione originale è un’opzione disponibile solamente nei piani a pagamento per cui immagino che in quel caso non venga effettuata nessuna compressione.

  6. Stefano 13/06/2019 at 12:22 - Reply

    Ciao Fabio
    Ho dato un occhiata a Pixieset e volevo chiederti con una partita iva e quindi con l’obbligo di emettere fattura, una volta che le foto sono state vendute e che quelli di Pixieset ti addebitano il corrispettivo sul conto corrente tu devi emettere fattura a loro oppure no. Grazie

    • fabio 13/06/2019 at 14:58 - Reply

      Ciao Stefano, non ho mai provato la vendita diretta da Pixieset, ma se non sbaglio il cliente ti paga direttamente tramite carta di credito o paypal in base alle immagini che ha acquistato e quindi tu farai fattura a lui come se fosse una normale vendita offline. Successivamente Pixieset scalerà dalla tua cara di credito configurata nel tuo account la percentuale di vendita che gli devi, emettendo successiva fattura internazionale a te.

Leave A Comment