Conosci un bravo web master?

sito-web-per-fotografi

“Ho già il template, mi serve solo una mano a configurarlo e a caricare le foto.”

Non sono passati molti anni da quando partire da un template pre costruito per fare un sito web era un disonore assoluto per uno sviluppatore.

Anche dopo l’avvento di wordpress e di tutto il movimento che si è creato attorno a questa piattaforma, ci sono ancora molti che pensano che partire da un template anzichè da una pagina html completamente bianca sia un modo semplice e poco professionale di fare un sito web e fino a qualche anno fa io ero tra questi. Ma con il tempo ho cambiato idea perchè ho cambiato il mio punti di vista, passando da quello di sviluppatore a quello di fruitore, o meglio, di uno che si fa il sito perchè gli serve e non può perdere le giornate a impazzire dietro ad uno script. 

Partiamo da una premessa: non esiste un modo giusto o sbagliato in assoluto di sviluppare un sito web. Come per tutte le cose, esistono svariati modi più o meno corretti di procedere in base alle specifiche esigenze.

Io un pò per scelta un pò perchè “è andata così” ad un certo punto ho smesso di occuparmi di siti aziendali in cui l’aspetto e lo stile venivano sacrificati in funzione di aspetti più tecnici e molto complessi per passare poco a poco ad un approccio più comunicativo e meno tecnico.

Da questo punto di vista la rivoluzione WordPress è stata un toccasana, offrendo la possibilità di dedicare meno tempo allo sviluppo tecnico e più tempo all’organizzazione dei contenuti.

E torniamo così alla richiesta che ho inserito in apertura di questo articolo, che sintetizza in poche parole quello che è oggi lo sviluppo di un sito web:

installare e configurare un template, apportare le modifiche necessarie per adattarlo alle esigenze del committente ed inserire i contenuti non è più una cosa da 10 minuti (non lo è mai stata in verità): è il lavoro vero e proprio.

Queste apparentemente semplici attività nascondono tante piccole insidie che fanno fondamentalmente la differenza tra chi lo deve fare una volta per sé e chi lo fa per lavoro.

Mi viene spontaneo un parallelo con la fotografia, visto che anche di quello mi occupo e visto che la maggior parte dei siti che sviluppo hanno come committente proprio un collega fotografo.

Ormai è chiaro che (se tutto va bene) con le moderne attrezzature chiunque con un minimo di buon gusto e conoscenza delle basi della fotografia può fotografare un evento portando a casa un buon risultato. Quanto questo risultato sia frutto della consapevolezza di quello che si sta facendo e quanto della buona sorte lo può sapere solo chi quel risultato lo garantisce e lo porta a casa ogni volta e non solo saltuariamente.

Creare un sito web oggi non è molto differente.

Se tutto va bene, con un hosting su Aruba, un template scelto a caso su Theme Forest o con una piattaforma come Divi o Flothemes, qualche ora passata  a capirne il funzionamento e a configurarlo, le foto del portfolio caricate, qualche suggerimento sulla seo raccolto navigando qua e là per redigere i contenuti ed ecco qui, il sito è in piedi e pubblicato.

Ma quante incognite ci sono in quella manciata di cose da fare? Quanto tempo in realtà si passa a capire come funziona un template? E a cercare di “spostare” quel riquadro un pò più in alto? O a cercare il plugin giusto per fare la gallery come la vorrei, perchè quella del template sembrava bellissima con le foto di stock ma con le mie non rende assolutamente? E perchè le pagine che ho inserito non si indicizzano? Ma come mai fino a ieri ero in seconda pagina con quella parola chiave e improvvisamente sono finito in decima?

E avanti così, facendo diventare quello che doveva essere una cosa semplice un piccolo incubo.

Ecco perchè spesso solamente chi ci è passato ed ha toccato con mano la complessità che si nasconde dietro il “configurare un template e caricare qualche foto” riesce a comprendere quanto è prezioso l’aiuto di qualcuno che sa quello che fa e ci fa stare tranquilli. Vuoi la gallery in quel modo figo che hai visto da un tuo collega? Ok, ci penso io. Come lo faccio? Non è un tuo problema. Ci metto 10 minuti con un plugin o 10 giorni perchè la devo scrivere da zero? Non è un tuo problema.

Preoccupati del risultato, non di come viene ottenuto.

A cosa serve tutto quello che ho scritto? A nulla in verità, sono solo riflessioni personali sul panorama attuale dello sviluppo dei siti web a cui volevo provare a dare voce. Rispetto alla fotografia per la quale mi confronto continuamente con tanti colleghi, il lavoro di sviluppatore lo faccio da sempre e lo vedo appunto più come un lavoro che come una passione, qualcosa per cui ormai vado in automatico, per cui mi manca ogni tanto il fermarmi per prendere fiato e guardarmi intorno: cosa sta succedendo in questo ambito? Cosa è cambiato nel mio approccio negli ultimi anni? Cosa potrebbe cambiare ancora?

Personalmente non amo fare terrorismo psicologico cercando di dissuadere a tutti i costi le persone che vogliono realizzarsi il sito web in autonomia, anzi, credo che se una persona ha un minimo di conoscenze tecniche per poterlo fare e il tempo necessario da dedicarci faccia benissimo a lavorarci da solo, è sicuramente il modo più flessibile di farlo.

Però mi spiace quando mi scrive qualcuno che in buona fede si è affidato a grandi agenzie che a fronte di budget spesso impegnativi hanno promesso grandi cose, salvo poi cambiare completamente atteggiamento a lavoro finito, quando la disponibilità e l’assistenza per risolvere piccoli problemi quotidiani diventa fondamentale. 

Per me si tratta di un vecchio approccio, che io non ho mai condiviso, per cui acquisire un cliente significa renderlo in qualche modo dipendente di quel fornitore, per poterlo spremere con le attività di manutenzione e post vendita.

Mi piacerebbe con questi articoli cercare di portare un pò di consapevolezza in più sull’argomento, per far si che qualunque sia la scelta che viene fatta per il proprio sito web non sia soltanto frutto di riflessioni motivate dal risparmio economico, che si traduce alla fine in un dispendio enorme di tempo, o dall’affidarsi a caso al primo risultato di google, che magari è solo più bravo a fare marketing e a posizionarsi bene, ma di una reale acquisizione di semplici competenze che aiutano a scegliere con criterio.

796 visite totali 1 visite oggi
By |2020-03-24T15:15:13+00:00Febbraio 27th, 2020|Sviluppo siti web, Wordpress|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment